Panace di mantegazzi cure e rimedi

Pubblicato in data: 21 luglio 2015

Panacee di Mantegazzadi Aldo Ranfa

Cosa fare in caso di contatto o ingestione

Il contatto con il liquido delle foglie e dei rami provoca ustioni significative sulla pelle permanenti (fitofotodermatiti) dopo circa 24 ore dal contatto e peggiorano gradualmente nei successivi giorni. Le zone colpite rimangono fotoreattive per parecchio tempo, anche anni. Spesse volte, data la sua eterogeneità sintomatologica, le fotodermatiti non sempre vengono diagnosticate con certezza in quanto possono essere confuse con infezioni da parte di stafilococchi.
Rivolgersi immediatamente dal medico e, in casi particolarmente gravi, è bene recarsi al più vicino Pronto soccorso.

Caratteristiche di tossicità

La pericolosità per l’uomo è legata alla presenza di furanocumarine lineari nel liquido che fuoriesce dalle foglie e dai rami che, in presenza di luce solare, provoca ustioni significative sulla pelle permanenti (fitofotodermatiti).
Per la flora indigena, invece, la sua diffusione rappresenta un ostacolo alla suo sviluppo e conservazione sia per la fitta vegetazione e che per l’ombra che creano le foglie.

LIVELLO DI TOSSICITA': ALTO

Parte tossica della pianta: Foglie e rami
Periodo di tossicità: Da marzo a ottobre

Aldo Ranfa

Aldo Ranfa

Esperto: Piante di interesse sanitario

Approfondisci

Leggi anche